Come prendersi cura di un cardellino

Il cardellino è un uccello appartenente alla famiglia dei fringuelli, molto comune in Europa, Africa settentrionale e Asia occidentale. Il suo canto, molto felice e qualcosa di simile a quello dei pappagalli, ha fatto sì che dall'antichità sia stato allevato in cattività, motivo per cui oggigiorno è molto comune trovarlo nei concorsi di canto degli uccelli.

Se vuoi avere un uccello di questo tipo devi imparare come prendersi cura di un cardellino per mantenerlo sano. Ecco perché in questo articolo di COMO condividiamo alcuni dati che saranno di tuo interesse affinché tu possa realizzarlo.

Caratteristiche del cardellino

Il cardellino europeo o carduelis carduelis raggiunge tra 12 e 13, 5 cm, può avere un peso stimato tra 14 e 19 grammi e una longevità massima tra 8 e 10 anni. Uno dei suoi segni di identità adulti è sul suo viso, che ha una pigmentazione rossa che ricorda una maschera, mentre le sue ali sono nere con strisce gialle. La parte posteriore del suo corpo ha tonalità marroni, la parte precedente è biancastra e la coda è di colore nero. Le caratteristiche tra maschi e femmine sono quasi impercettibili, tranne che per la presenza di un'ombra più scura sulla faccia del maschio o sulle sue penne nasali. Sebbene ci siano altre varietà di questa specie come il cardellino o lo zafferano giallo, possiamo vedere nell'immagine.

Il cardellino può vivere nelle foreste, nelle aree agricole e nelle città. In natura si nutre principalmente di semi di cardi, oltre che di girasole o di grano e di insetti nella stagione riproduttiva. Le coppie di solito si riproducono due volte l'anno e la nidificazione dura circa 12 giorni.

alimentazione

Per sapere come prendersi cura di un cardellino correttamente devi sapere che, sebbene il suo cibo sia granivoro, quindi si nutre soprattutto di semi, ma consuma anche piante selvatiche, come la borsa da pastore, portulaca, sorgo, cicoria, avena, verga d'oro, dente di leone, papavero, serrature, ecc. Allo stesso modo possono mangiare verdure e frutta, come lattuga, indivia, pomodori, fragole, anguria, arancia, mela e pera. L'importante è che la loro dieta sia variata in modo che possano ottenere tutti i nutrienti di cui hanno bisogno.

D'altra parte, è fondamentale controllare molto bene il cibo prima di darlo all'uccello. I semi, in particolare, possono contenere funghi patogeni che se consumati dall'uccello possono causare gravi malattie. È anche importante incorporare il seme di uccello nella vostra dieta quotidiana, mescolato con altri semi o in un alimentatore indipendente. Il consumo di scagliola impedisce all'uccello di sviluppare l'obesità, una condizione che può generare infertilità tra gli altri seri problemi di salute.

Condizioni di alloggio

Una parte importante della cura di un cardellino ha a che fare con il suo alloggio. Pertanto, per essere in grado di scegliere una gabbia per uccelli adatta a questa specie, è necessario sapere che deve essere abbastanza ampia e con diversi poli per consentire all'uccello di volare e saltare; se la taglia è molto limitata, l'animale corre il rischio di colpire se stesso quando cerca di volare. Allo stesso modo, deve essere tenuto lontano da altri animali domestici e fuori dalla portata di roditori e uccelli selvatici. La temperatura deve essere fredda, ma senza essere fredda, per stimolare il dispendio energetico e il luogo deve avere una ventilazione permanente.

Pratiche di igiene

L'acqua deve essere rinnovata ogni giorno e in estate fino a due volte al giorno. Sia la gabbia che gli alimentatori, il vassoio, la griglia, le gabbie e il distributore d'acqua devono essere accuratamente puliti e disinfettati una volta alla settimana per evitare la proliferazione di batteri, parassiti e agenti patogeni. Se si usano insetticidi o disinfettanti, devono essere di uso ornitologico, cioè adatti agli uccelli, e devono essere cambiati periodicamente per evitare che i parassiti sviluppino resistenza ad esso. Il cibo che viene a contatto con la griglia deve essere scartato perché probabilmente è stato contaminato dagli escrementi.

I cardellini amano giocare con l'acqua, quindi possono avere un contenitore in più per fare il bagno e fare il bagno, specialmente quando fa caldo, ma l'acqua deve essere cambiata ogni giorno.

Inoltre, se in una gabbia c'è più di un cardellino e uno di loro si ammala, deve essere separato dal gruppo per evitare di infettare gli altri uccelli.

Scopri di più su come pulire correttamente la gabbia per uccelli in questo altro articolo di.

Protezione del cardellino

I cardellini sono uccelli protetti, il che significa che la loro cattura è regolata e può essere effettuata solo da silvestristas (persone specializzate nella cattura di esemplari per ibridazione o concorsi di canto o di bellezza), che devono essere autorizzati e autorizzati dalle istituzioni competenti in base a ciascuno regione.

Durante il processo di cattura, è permesso solo di ottenere esemplari maschi utilizzando una rete di cattura della lunghezza massima di nove metri. Né le femmine né i nidi dovrebbero essere cacciati. Una volta che il campione è in potere di silvestrista, è contrassegnato da anelli chiusi per il suo controllo. La cattura non è consentita per scopi commerciali, solo per scopi di riproduzione in cattività.

La caccia e la commercializzazione impropria del cardellino non solo influenzano la crescita della sua popolazione, ma altera anche l'equilibrio dell'ecosistema di cui fa parte. Pertanto, è necessario evitare qualsiasi pratica che mette in pericolo questo uccello e rivolgersi alle autorità in caso di irregolarità testimoniali relative alla sua cattura.

Se ti è piaciuto sapere come prendersi cura di un cardellino, potresti anche essere interessato a sapere come nutrire un merlo.

suggerimenti
  • I requisiti per prendersi cura di un cardellino non sono lontani da ciò che richiede un uccello in cattività.
  • È importante ricordare che la caratteristica principale di questo uccello è la sua canzone peculiare. Se il cardellino diminuisce la frequenza del canto o semplicemente smette di farlo, potrebbe essere un sintomo di qualche condizione di salute.
  • In questo caso, dovresti consultare un veterinario, soprattutto se questo è accompagnato da mancanza di appetito o abbondante perdita di piumaggio dal tuo periodo muta.